SORPRESA #IONOICRAFOND
I

 racconti di #IoNoiCrafond
Storie quotidiane di persone speciali: i #crafondlover

Se usate le Crafond da lungo tempo sapete che si lavano facilmente.
In questo racconto ispirato a una storia realmente accaduta, raccontataci da una nostra #crafondlover, lo ribadiamo!
Buona lettura.
⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️
Sono arrivata a casa. Appoggio le borse della spesa sullo zerbino e cerco le chiavi 🔑 “Dove sono quelle maledette…” Le trovo, apro la porta e un buio cosmico mi avvolge. Click… click, click… «Accidentacciomannaggia… è andata via la luce… porcamise…»
«Sorpresa!» 🎁
I fari della contraerea illuminano la mia sala accecandomi per metà, ma con l’occhio superstite riesco comunque a vedere uno scenario fantasmagorico. Amici e parenti mi accolgono con sorrisi smaglianti degni del miglior dentifricio 😀. Strimpellano come indemoniati una selva di raganelle, tamburelli, vuvuzelas 🎊 che mi catapultano al Maracanã, meglio del teletrasporto di Star Trek.
«Buon compleanno Silviaaaaaaaaaaa.»
La vocina del mio nipotino seienne mi fa tornare di botto in via De Amicis. Regge un mazzo di fiori imperiale 💐 ed esclama: «Buon compleanno zia e complimenti non dimostri per niente 50 anni
«Ah sì? E quanti ne dimostro allora?» chiedo a bruciapelo per mettere alla prova il monello.
Mi guarda, soppesa bene le parole poi risponde serissimo: «43 anni e mezzo, al massimo.» 👦 Gli schiocco un bacio sulla guancia. Ha dei numeri il pargoletto, farà strada!
Mi prende per mano e mi guida verso un tavolinetto imbandito di antipasti. «Tieni zia, mangia.» Quel gesto dà il via ai festeggiamenti. 🎉

 

A notte fonda la festa 🌜è finalmente terminata, sono stravolta ma davvero felice. «Grazie Simo. Mi hai proprio fatto una bella sorpresa!»
Mio marito annuisce compiaciuto, poi si alza e si avvia verso la cucina spiegandomi: «È ora di riordinare. Tu vai a dormire, qua penso a tutto io.»
«Dai, ti do una mano, altrimenti non finisci più.» Simo mi guarda riconoscente ma, entrata in cucina davanti al peggior incubo di un lavapiatti 😟 , mi pento subito del mio buon cuore. 💛
In mezzo alla carneficina di strofinacci, tovaglioli, vassoi, tazzine, ciotole, mestoli, fruste, coltelli, piatti, bicchieri, posate, sporchi e incrostati, sopra il fornello, spuntano tre pentole nuove.

«Dovevo cucinare un sacco di ricette e così mi sono attrezzato per tempo,» spiega mio marito, vista la mia espressione perplessa. «Queste pentole sono uno spettacolo! Si cucina in meno tempo e, hai sentito che gusto?!» 👨‍🍳
«Davvero,» gli rispondo, smontando il manico di una casseruola, mentre ripenso ai deliziosi gnocchi alle ortiche.
«Tra l’altro occupano poco spazio,» continua Simo, «e non serve metterle in lavastoviglie. Si puliscono in fretta a mano. Tra l’altro durano tantissimo, me lo ha confermato la mia collega che le usa da anni e me le ha fatte conoscere.»
E brava la collega, sono veramente colpita e decido di provarle subito: «Complimenti per l’acquisto. Sai cosa facciamo allora? Io lavo le pentole e tu pulisci il resto.» 😱
Simo si trasforma in una statua di sale ma incassa il colpo con una risata. In fondo oggi è il mio compleanno! 😂
A presto.