TIMBALLO DI PASTA ALLA SICILIANA
R

icetta tipica siciliana e piatto ricco e sontuoso, adatto ai pranzi delle feste.

Ricetta di Giovanni Castaldi del blog “Peccato di gola di Giovanni”

Ingredienti per 4/6 persone

  • 250 g di anelletti
  • 125 g di carne di maiale macinata
  • 125 g di carne di manzo macinata
  • 500 g di passata di pomodoro
  • 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
  • 1 kg di melanzane lunghe
  • 100 g di piselli surgelati
  • 80 g di ricotta salata
  • ½ bicchiere di vino rosso
  • una presa di sale
  • ½ cipolla rossa
  • un pizzico di pepe nero macinato
  • un filo d’olio extravergine d’oliva
  • olio di semi per friggere q. b.

 

Attrezzatura

COCOTTE CRAFOND

STAMPO GOURMET CRAFOND

TEGAME CRAFOND

COPERCHIO CRAFOND

Procedimento

Sbucciare e sminuzzare finemente la cipolla. Versare nel Tegame antiaderente insieme a un filo d’olio evo e rosolare per qualche minuto a fuoco minimo. Aggiungere i due tipi di carne macinata e rosolare a fuoco medio. Inizialmente fuoriusciranno i succhi, attendere che evaporino prima di sfumare con il vino.

Aggiungere la passata di pomodoro e il concentrato, mescolare. Aggiungere un pizzico di sale e un po’ d’acqua calda e cuocere per almeno 40 minuti a fuoco minimo.

Verso fine cottura unire i piselli e cuocere per una decina di minuti.
Nel frattempo pulire e affettare le melanzane nello spessore di pochi millimetri, in numero di fette sufficiente a foderare lo Stampo Gourmet.

Tagliare a cubetti di circa 1 centimetro il resto delle melanzane. Scaldare la Cocotte antiaderente con olio di semi e friggere le fette e poi i cubetti.
Disporre le fette, asciugate nella carta assorbente, nello Stampo mentre i cubetti asciutti sono da versare nel sugo.
Versare anche gli anelletti già lessati. Unire la ricotta salata, il pepe nero macinato e mescolare.
Versare il composto nello stampo e livellare bene la superficie. Richiudire con le melanzane. Cuocere il timballo nella Cocotte per circa 20 – 25 minuti.
Una volta cotto il timballo, fare riposare qualche minuto prima di sformarlo su un piatto da portata e servire.